23 febbraio 2017

Zuppa di fine inverno

Ci siamo quasi alla primavera! Abbiamo avuto alcune dolcissime calde giornate che per un pochino ci hanno fatto illudere. Poi è arrivata una nebbia umida e spessissima, da anni che non se ne vedeva più di una nebbia così. Quale migliore occasione per coccolarsi ancora una volta con una deliziosa e profumata zuppa?
Ingredienti:
400 g di zucca
1 costa di sedano, 1 carota, 1 patata
150 g di lenticchie rosse decorticate
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaino di curry
1 dado vegetale
sale q.b.

Fate tutto a tocchetti, ricoprite d'acqua in modo che ce ne siano solo quattro cm sopra le verdure, portate a bollore, poi cuocere coperto a fuoco lento per una ventina di minuti.
Frullino ad immersione ed ecco qua, cremosa, saporita, senza un filo di grasso una meravigliosa zuccazuppa!
Buon appetito.

16 febbraio 2017

Due ore di leggerezza

Avete voglia di trascorrere due ore leggere e spensierate? Fate un salto al cinema ed andate a vedervi La La Land!
Una commedia musicale ben confezionata, due attori bravissimi, una colonna sonora impossibile da dimenticare, una regia impeccabile (il piano sequenza del balletto iniziale è strepitoso), tantissime citazioni da scoprire, voilà, fatto!
Mi sono veramente divertita e detto da me che non sopporto i musical....

5 febbraio 2017

Ostinata - Ricamo per mano sola

Mio marito lo dice sempre, dice che sono ostinata come un mulo, come un toro, e credetemi, non lo dice per elogiarmi, anzi, della mia testardaggine lui vede solo il lato negativo e fastidioso.
Ma tant'è, essere testardi può essere molto utile.
In questo frangente per esempio, questo mese di mano e braccio destro inutilizzabili, essere una testarda mi ha aiutato a fare praticamente tutto da sola se si escludono il guidare l'auto ed ahimè, lo sferruzzare!
E quindi..... ho ricamato! Con la mano sinistra, inventandomi come separare i fili, tagliarli, infilare l'ago, tenere fermo il tamburo, una faticaccia....., una lentezza...., ma tanto i giorni dovevano pur trascorrere non credete?
Ecco qua, mancano ancora tutte le meline rosse sull'albero e tutti fiocchi di neve che scendono.
È il primo dei due schemi di Renato Parolin che compongono "Nel silenzio", un disegno che mi piace tantissimo perché riunisce alberi ed animali, due dei miei soggetti preferiti.
Oggi pomeriggio nevicava anche un pochino, l'atmosfera era quindi perfetta.
Venerdì mi tolgono il gesso, forse.

25 gennaio 2017

Posh Yarn

Al ventiduesimo giorno di gesso e di dolori abbastanza intensi che mi inquietano un po', la frustrazione aumenta. Essere una persona portata alla manualità non aiuta, trascorro tantissimo tempo a programmare future attività, uso Pinterest ossessivamente, mi iscrivo a Mistery Kal calzettosi e... curioso tra le lane in vendita!
Conoscete POSH YARN?
NO?
 Malissimo!
Trudie e Tony Banford  vivono nel Galles e tingono meravigliosamente lana e seta, e ce la vendono anche! Con una modalità divertente ed abbastanza insolita: tingono piccole quantità di filato, in colori e sfumature sempre diversi e poi le mettono in vendita la domenica sera, alle 20, qua da noi. Ed allora la cosa diventa emozionante perché le matasse spariscono alla velocità della luce e non sempre si riesce ad ottenere quello che si vuole....
L'ultima volta ci sono riuscita:


800 metri di Baby Alpaca sono diventati miei!!
Un punto di azzurro che adoro, un lace morbido morbido che diventerà una nuvola di scialle pizzosissimo.
Stavo pensando magari ad un bel Valeriana Estonica, un modello perfetto per un filato lace e soprattutto, un modello di cui ho già il pattern...


Niente male , vero?

16 gennaio 2017

L'amore e le foreste

Un libro che ho dovuto un po' metabolizzare. Che mi ha fatto arrabbiare, un po' morboso, inquietante.
Alla fine, però, devo dire che mi è piaciuto, senz'altro una trama originale che non dimenticherò tanto facilmente.
È la storia di Bénédicte Ombredanne, giovane donna colta e raffinata, innamorata della letteratura, sposa e madre di due figli, insegnante in un liceo. Questa la facciata. Una facciata che cela una realtà fatta di pressioni e violenze psicologiche, un marito psicologicamente disturbato e manipolatore che diventa l'aguzzino della donna insinuandosi tra le pieghe della sua anima e colpendola nelle sue più profonde sensibilità.
Unico momento di ribellione, unico tentativo di riappropriarsi della propria identità, è la giornata trascorsa con Christian, uomo perfetto che nel libro è l'unico simbolo di passione, libertà ed erotismo.
Da questo momento in poi, la vita della nostra eroina sarà un'inarrestabile discesa all'inferno, vittima della sua incapacità di riprendersi la sua vita.
Voce narrante di questa vicenda è lo scrittore stesso, Éric Reinhardt, che dopo un piacevole scambio epistolare con Bénédicte la incontra in un caffè rimanendone affascinato. Lo scrittore stesso sta vivendo un momento di crisi, dopo il grande successo del suo primo romanzo, stenta a scriverne un altro, la storia che la donna inizia a raccontare, la storia della sua vita, lo incuriosisce. E sarà lui a scriverla, poi, dopo aver ricostruito i fatti, dopo averla cercata, dopo aver cercato le persone che la conoscevano.
E mentre leggevo, l'irritazione saliva, la frase che mi veniva in mente di continuo era: per ogni carnefice c'è sempre una vittima. Perché Bénédicte poteva andarsene, era giovane, con una famiglia accogliente alle spalle, economicamente indipendente. Ed invece rimane.
E qua, secondo me, sta la bellezza di questo romanzo che diventa un esempio di come i rapporti malati  siano alla base di tanta violenza sulle donne, all'interno dei loro nuclei famigliari, una violenza soprattutto psicologica che piano, piano, giorno dopo giorno si insinua sempre più esplicita fino divenire quotidianità.
A meno che uno non si ribelli e se ne sottragga.
Eric Reinhardt - L'amore e le foreste - Salani Editore

9 gennaio 2017

La Befana vien di notte con i polsi tutti rotti...

Ho esagerato un po'!
 La Befana per me è arrivata, tanto per cominciare, in ritardo, è passata  mentre tornava a casetta sua sui monti, senza più né  dolci né carbone e veloce anche, che era già il crepuscolo e doveva metter su la polenta. Mi ha lasciata con un tuffo sul ghiaccio ed un fantastico polso rotto ed impacchettato per 35 giorni.
E adesso chi lo finisce il Levenwick di Roberta? Ero così a buon punto, veniva così bene!

È già il quarto che sferruzzo, alle mie amiche piace molto ed in effetti è un modellino delizioso, di gusto leggermente retrò,  curatissimo nei particolari e divertente da personalizzare con la scelta dei bottoni.
Poverino, dovrà aspettare febbraio, non ci riesco proprio...
Al momento posso solo: passeggiare in queste gelide giornate, ubriacarmi di serie su Sky e Netflix, leggere, leggere, leggere, leggere.
Ho appena terminato un romanzo francese (da discutere nel mensile incontro in biblioteca) che devo ancora un po' metabolizzare e su cui sospendo il giudizio ancora per qualche ora e, dato che sono una donna di grande ignoranza, ho intrapreso la lettura de "La Montagna Incantata" di Thomas Mann, autore che ho amato tanto in gioventù, ma di cui ho letto solo "Morte a Venezia" ed "I Buddenbrook".
Ho pensato di colmare la lacuna e di essere in obbligo verso questo romanzo visto che ho amato così tanto Youth.





1 gennaio 2017

1/1/2017

Ciao ciao 2016, non credo ti ricorderò come un anno fantastico. Sono stati tanti anche i bei momenti, figuriamoci, bisogna sempre tenerli a mente, i giorni tranquilli e normali, i viaggi, le sere, le notti profumate, i film visti, i libri letti, ecc. ecc.
Le brutte notizie però, i fatti orrendi, gli addii, sono stati troppi, senza ritorno. Hanno lasciato un velo grigio sull'anima che fatica ad andare via.
Ed allora ci illudiamo sempre che magari, con l'anno nuovo,  le cose cambino. Ma l'anno nuovo è solo una convenzione e la vita procede e va finché dura e bisogna cercare di viverla al meglio, guardando al futuro con energia e con determinazione. E che caspita!!
Questo fiorellino di energia ne ha tanta per fiorire il primo di gennaio vero? L'ho fotografato durante la prima passeggiata dell'anno, tra le colline dietro Mombello, una lunga passeggiata, sotto un cielo terso e così limpido da sembrare impossibile.
Ripercorrendo le sterrate tra i campi pensavo a tutte le persone che prima di  me le hanno percorse, anno dopo anno, nei secoli, come testimonia questa piccola chiesa romanica, solitaria, antichissima.
La campagna offre panorami semplici, niente a che vedere con la grandiosità delle montagne o la bellezza del mare eppure tutte le volte mi ammalia, mi ci sento a casa, mi sento nel mio, calpesto la terra e mi piace. E guardo gli alberi. Che sono tra le cose che più mi piacciono al mondo.
Non mi annoiano mai. Mi bastano, giustificano una passeggiata.
Così come certi altri arbusti. Bellissimi, anche se secchi.

Che sembrano indicare un direzione....

10 ottobre 2016

Soffice

Ma sapete quanto può diventare soffice e avvolgente un capo lavorato con una lana magari anche un po' ruvidina a cui si aggiunge un sottile, sottilissimo filo di seta e mohair?
Diventa tanto soffice, una nuvola calda!
Da tempo occhieggiavano dal cesto della lana questi due filati, comprati su una bancarella, meravigliosi gomitoli di Felted Tweed Rowan più  due coni di Kidsilk Haze rosa, ma un rosa pallido, un rosa cenere bellissimo. Un acquisto fantastico!
Peccato però che il metraggio complessivo fosse veramente pochino, 900 metri rosicati e stiracchiati, che farne? Per un po' nulla, poi, tre giorni fa, l'illuminazione rimettendo a posto i files, con questa quantità di filato si può tricottare il delizioso Quick sand di Heidi Kirmaier!!
Detto fatto, riscopro anche il piacere e la velocità di lavorare con le punte 5,5 ed il lavoro prende subito forma:
In tre giorni, completati una manica e praticamente il corpo, manca poco alle short row finali...
Ho pensato che è un modello facilissimo e grazioso, perfetto per chi inizia a lavorare con i circolari e il top down, credo proprio che la mia amica Carlotta che mi ha chiesto un piccolo corso di tricot se lo ritroverà sui ferri molto presto..
Il lavoro ultimato prossimamente sui vostri schermi. Buon tricot a tutti!

1 ottobre 2016

Non tutte le ciambelle...

A volte capita che si infili una successione di letture e lavori che non sono esattamente un granché. Mi è capitato ultimamente, con un libro, l'ultimo di Tracy Chevalier, "I frutti del vento" ed un modello di scialle, lo Shore Hap, pubblicato in The Book of Haps.
Partendo dal libro, sicuramente non è tra i migliori della Chevalier, scrittrice che amo per la sua capacità di creare storie e personaggi perfettamente inseriti in contesti storici che lei studia ed approfondisce e quindi ci fa conoscere. Inutile ricordare La Ragazza con l'orecchino di perla o Strane creature che ho amato tantissimo, o ancora Quando cadono gli angeli. Sono sempre storie di donne, spesso relegate ai margini dalla Storia ufficiale, quella scritta dagli uomini, ma determinanti e fondamentali.
In questo caso invece, il protagonista è un ragazzo, l'ambientazione è quella dell'America dell'800, ancora selvaggia e crudele, percorsa ed abitata da avventurieri e cacciatori, cercatori d'oro e di fortuna. Cercatori di semi e di piante anche, come il botanico William Lobb che viaggiava in cerca di nuove specie di piante  da inviare in Inghilterra o John Chapman, personaggio considerato precursore dell'attivismo ambientalista, conosciuto da noi come Johnny Semedimela, che trascorse la maggior parte della sua vita predicando e seminando piante di meli lungo tutto il Midwest.
L'amore per le piante che il protagonista ha ereditato dal padre lo porterà fino in California e fino alle Sequoie di Calaveras Grove, altissime e maestose, praticamente eterne, testimoni silenziose dello scorrere dei secoli.
Eccetera, eccetera... non è mia abitudine svelare la trama di un libro per non rovinarne il piacere della lettura!
Una lettura però che risulta noiosa, gli argomenti trattati sono molto interessanti, ho imparato tante cose nuove partendo dagli spunti offerti, ma i  personaggi sono tratteggiati in modo superficiale e sbrigativo, non ci si appassiona, quello che più colpisce di questo libro è forse la descrizione degli ambienti naturali. diciamo che in definitiva il ricordo di questa lettura è migliore della lettura stessa!
Per quanto riguarda i lavori invece, ho proprio sbagliato modello scegliendo di fare questo Shore! Ma chissà perché!! Intanto è veramente estenuante lavorarlo, non finisce mai ed è una noia mortale, giri e giri di tutto diritto che neanche i cambi di colore rallegravano un po'! E poi, sicuramente non lo porterò come indicato nelle foto, lo terrò con la punta sul davanti con le code girate sul collo e poi riportate sul davanti come una lunga sciarpa. Non mi piacerà lo stesso!