12 ottobre 2017

Cappellino propiziatorio

Non faccio cappellini perché poi non li uso, mi prudono, mi tengono caldo, mi fanno sembrare più befana del solito, insomma non sono per me.
Questo però mi è proprio piaciuto, mi ha fatto venir voglia di una bella nevicata, di un po' di pioggia magari, a concludere questo tremendo periodo di siccità.
Le misure sono perfette, personalmente ho aumentato i giri del bordo perché mi piaceva farlo un po' più alto e quindi ho alterato un po' il pattern. Per il resto nessun problema, ricordate di intrecciare bene i fili sul rovescio in modo da creare una bella texture compatta, ma senza tirare tropo.
Ci vogliono sei ore per farle, quindi in tre serate davanti alla TV ve la cavate.
Pronte per inondare il mondo con queste pazienti pecorelle sotto una nevicata?

6 ottobre 2017

Stracccetti di Seitan con rucola

Anche a noi povere cuoche vegetariane capita ogni tanto l'insperata fortuna di poter preparare un secondo buon e veloce che risolve una cena.
Complice il Seitan, questa ricettina vi consente di portare in tavola un piatto veramente delizioso e saporito.

Occorrono:
300gr di Seitan alla piastra (personalmente amo quello prodotto da Soialab)
2 porri
200gr di rucola
salsa di soia
aceto balsamico
olio EVO
Come prima cosa pulite i porri, tagliateli a rondelle e fateli stufare velocemente in una padella antiaderente in un pochino d'olio coprendo con un coperchio. Appena sona appassiti aggiungete una spruzzata di salsa di soia, a vostro gusto come quantità. Lasciate cuocere ancora un paio di minuti a fiamma vivace mescolando.
Tagliatee i pezzi di Seitan a fettine sottili 3 o 4 mm ed aggiungerli ai porri. Rimescolate bene, aggiungete la rucola con un pizzico di sale ed una spruzzata di aceto balsamico. Anche questa volta coprite, fate stufare qualche minuto, poi rimescolate il tutto e lasciate riposare coperto a fiamma spenta fino al momento di servire.
Va mangiato caldo.
Veramente delizioso, consiglio delle patate cotte a vapore come accompagnamento.
Buon appetito!

21 settembre 2017

Crumble mele e prugne

Ecco, per festeggiare il ritorno dell' Autunno, un crumble che utilizza un frutto di tarda estate ed uno di primo autunno, le ultime prugne rosse e le prime mele.
Occorrono:
4 mele Royal Gala
4 prugne rosse
il succo di un limone piccolo
100gr di farina
70gr di zucchero
50gr di burro a temperatura ambiente e a tocchetti
1 generoso pizzico di sale
30gr di nocciole tritate grossolanamente
due cucchiai di muesli
1 spolverata di miscela delle 5 spezie
Come prima cosa mettere a cuocere in una padella antiaderente le mele, le prugne ed il succo di limone fino a renderle morbide, ma non disfatte.
Trasferire la frutta in un piatto da forno e procedere alla preparazione delle briciole sfregando tutti i rimanenti ingredienti tra i polpastrelli fino ad ottenere un impasto granuloso ed irregolare in cui però abbiate ben incorporato il burro.
Coprire la frutta con le briciole formando una bella copertura uniforme, ma senza schiacciare.
In forno ventilato a 190° per una trentina di minuti, o meglio fino a che il dolce non risulti bello colorito.
Consumare tiepido!

7 settembre 2017

Douce Provence


Anche quest'anno è tornato settembre e l'estate si prepara a lasciarmi. E non vedevo l'ora...
Lo sapete che è la mia stagione spreferita, a meno di non trascorrerla magari in Groenlandia o in Alaska, ma ciò non è dato e quindi mi tocca arrabattarmi e sopportare il caldo, gli insetti, le giornate estenuanti, le notti insonni e sudaticce.
Però mi capita di andare in vacanza durante l'estate e questo è molto positivo, specialmente se una parte delle vacanze può svolgersi in Francia, paese amatissimo da me e dal mio caro compagno di vita. Torniamo spesso in posti che già conosciamo e che già ci sono piaciuti, sicuramente per assaporarli meglio, ma forse anche per cercare di appropriarsene un po'. E' bello riconoscere i posti, i caffè, i sentieri, i profumi, ci si sente un po' come tornati a casa.
E quando si tratta della Provenza... ah che meraviglia! Altro che a casa!
La luce, la dolcezza dei colori. I profumi inebrianti, nei tramonti e nei pomeriggi assolati, sui sentieri e sulle tracce di Cesanne e di Van Gogh, di Picasso e di Chagall.
Quest'anno siamo tornati nel Luberon, l'avete visto "Un'ottima annata", il film con Marion Cotillard e Russel Crowe? Ecco, allora avete capito il genere.
video

28 luglio 2017

La maglia in luglio

La maggior parte della mia attività di knitter compulsiva si svolge da settembre a giugno, nel periodo in cui le temperature sono umane, le ore di luce decenti ed accettabili e soprattutto, posso sferruzzare guardando la tv sotto il mio personalissimo cono di luce della fedele Tolomeo. Una luce ideale, che non disturba la visione dell'amato bene, fanatico della visione perfetta dei film, oscurità totale e sonoro 5 + 1...
Tolomeo svolge bene l suo lavoro, ma ahimè, scalda. E già  basta lo schifido caldo estivo a massacrarmi. Ecco, anch'io in estate mi guardo i film come vanno visti.
Però ai primi di luglio ero in Valle d'Aosta e guarda guarda, mi imbatto in alcuni allettanti gomitoli di lana locale:
viene dalla Val Grisanche ed è una lana allevata e lavorata in Valle, totalmente naturale e molto rustica, secca e ruvida, fantastica!
Non ho resistito ed eccomi qua, un po' a rilento, ma operativa, a sferruzzare un bel maglione da uomo.  Non di sera, naturalmente, ma nel primo pomeriggio, rifugiata e nascosta al fresco di casa, sul divano, tutte le sei stagioni del Trono di Spade a farmi compagnia.

10 luglio 2017

Avremo sempre Parigi

L'ho vista tardi la prima volta, avrò avuto ventidue anni. Mi ha folgorata, come se avessi finalmente trovato la mia città, l'unica città in cui mi piacerebbe vivere. (Sono un tipo campagnolo)
Da allora ci sarò tornata una ventina di volte almeno e sempre scoprendone un pezzetto in più, un nuovo piccolo negozio, un nuovo parco, una nuova piazza. Vogliamo parlare della Place Dauphine? È li che nei miei sogni impossibili vorrei abitare,  se potessi mollerei tutto in un attimo e ci andrei. Parigi è vicina, da tutto il mondo la si raggiunge con facilità e di sicuro avrei una bella stanza in più per gli amici!
L'amo in modo incondizionato, con la pioggia, la neve, in autunno, in primavera, sempre. C'è da dire che io sono un po' un caso particolare perché amo anche i parigini, notoriamente piuttosto antipatici, e devo dire che solitamente loro amano me.
C'è un bellissimo blog di un'acquerellista americana che fa dei reportage dalla città quasi quotidianamente, si chiama Carol Gillot, in questo momento è in Bretagna, ma solitamente invece è a Parigi e mi tiene sempre aggiornata! Ha un occhio attento e curioso, è allegra ed entusiasta, un vero piacere seguirla.
Ma tant'è, potrei arrivare a sfinirvi parlando di Parigi ed invece è di un libro piacevolissimo che vorrei parlarvi, l'ultimo della Dandini, si intitola "Avremo sempre Parigi".
Ed è vero, ci sarà sempre, nonostante tutto, e sarà li per tutti quelli che la amano, a farsi amare anche da lontano.
Ne leggo un capitolo ogni mattina, sotto l'acero sorseggio il caffè, spio la canicola infernale che si insinua dovunque e me lo godo proprio, con tutti i suoi aneddoti, le sue curiosità, le sue segnalazioni. Tengo anche una matita in mano e sottolineo ed evidenzio, per il prossimo, chissà quando, futuro viaggio.
Tra l'altro ho scoperto che anche Simone Signoret e Ives Montand abitavano in place Dauphine!



31 maggio 2017

Nel Guscio

Un feto prossimo alla nascita, stretto stretto a testa in giù nel guscio materno, che spia il mondo ed ascolta, impaziente di conoscerlo. Ed ascolta la trama di un complotto ordito ai danni del padre niente di meno che da sua madre e del di lei amante, lo zio gretto ed avido: ecco, credetemi, una trama che non fa per me.

Ed invece, Ian McEwan non si smentisce mai e crea un racconto bellissimo, un divertissement a metà tra la suspence ed il filosofico-politico. Bellissimo e divertente, non riesci a staccartene e l'intelligenza della scrittura va di pari passo con la ricchezza del vocabolario. Un grande scrittore che non perde un colpo, che bello!
Consigliatissimo!

19 maggio 2017

Lavori

Noi compulsive dello sferruzzo siamo instancabili ed inarrestabili, si sa.
Siamo un po' più pigre a fotografare il lavoro terminato a volte. Personalmente, credo di non aver più fotografato da circa un anno e così la mia pagina progetti su Ravelry piange! E dire che di cose ne sono scese dai ferri durante l'inverno, realizzate per me e per le mie amiche, eppure, niente, neanche una fotina decente.
Qualche pomeriggio fa ho vinto la poca voglia e ho fatto qualche scatto, due scialli ed un capo di Brooklyn Tweed che risale a più di un anno fa e che mi piace veramente tanto tanto.

Capella di Isabell Kraemer


Pente di Carol Ferrel



Caledonia di Kirsten Kapur

Fotograferò gli altri prima o poi...